1 Goal: Educazione per tutti prima dei mondiali di calcio del 2014

A seguito dela campagna internazionale 1 GOAL, lanciata dalla Global Campaign for Education, in occasione dei Campionati del Mondo di Calcio in Sudafrica, domenica 11 luglio 2010, i Capi di Stato e di Governo hanno raggiunto Pretoria per discutere del finanziamento necessario per  aggiungere il Secondo Obiettivo di Sviluppo del Millennio: garantire a tutti l’accesso all’istruzione primaria entro il 2015.

Di seguito riportiamo la nota stampa del Comitato di Coordinamento della Campagna per l’Educazione Globale ha preparato sui purtroppo scarsi risultati dell’Education Summit

“Risorse finanziarie per assicurare ad ogni bambino l’opportunità di andare a scuola prima del prossimo campionato di calcio nel 2014”, questo l’appello lanciato dai Capi di stato africani ed europei, durante il Summit sull’educazione svoltosi domenica 11 luglio a Pretoria. Un appello di estrema urgenza ed importanza per i promotori della “1GOAL: Education for All!”, l’iniziativa mondiale lanciata dalla Campagna Globale per l’Educazione in occasione dei Campionati del Mondo di Calcio in Sudafrica, per garantire a tutti l’accesso all’istruzione primaria entro il 2015.

“Milioni di persone hanno esibito una cartellino giallo ai leader mondiali per chiedere la fine dell’ingiustizia che nega l’accesso all’istruzione ad 1 bambino su 10 nel mondo”, ha dichiarato Kailash Satyarth, Presidente della Campagna Globale per l’Educazione. “Speriamo che il Summit sull’Educazione rappresenti solo il primo passo verso un maggiore impegno dei governi di tutto il mondo per garantire i finanziamenti necessari a raggiungere il Secondo Obiettivo di Sviluppo del Millennio, e che questo impegno si concretizzi a settembre, durante la Conferenza delle Nazioni Unite sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio a New York” dichiara Elena Avenati, coordinatrice della Coalizione Italiana della Campagna Globale per l’Educazione (www.cge-italia.org).

La 1GOAL invita i paesi donatori ad aumentare i finanziamenti all’istruzione da 4 a 16 miliardi l’anno, a dare priorità ai Paesi più poveri e a finanziare i fabbisogni primari della scolarizzazione, gli stipendi degli insegnanti, i libri e gli edifici scolastici ed esorta i paesi poveri ad incrementare del 20% l’investimento all’istruzione per consentire a tutti i bambini africani di frequentare la scuola entro il 2014. Ad oggi, in Malawi, Uganda e Chad meno del 40% dei bambini completano la scuola elementare e sono in media più di 65 gli allievi di un insegnante nella Repubblica dell’Africa Centrale, in Ruanda, in Malawi o in Mozambico. Nel Togo, inoltre, solo il 15% degli insegnanti di scuola elementare ha un’adeguata preparazione.

Quest’anno, i Paesi in via di sviluppo hanno dovuto fare dei tagli enormi alla loro spesa per l’educazione, a causa di una crisi economica globale che non hanno nemmeno provocato. Oggi ci troviamo di fronte ad un bivio: possiamo impegnarci per garantire a tutti i bambini e le bambine l’accesso all’istruzione primaria entro il 2015 oppure rischieremo che le porte di molte scuole rimangano chiuse per sempre.

Per l’Italia, assente al Summit, purtroppo, anche per quest’anno il voto è insufficiente. “Nel 2010 infatti il contributo italiano al principale fondo per l’istruzione globale, l’Education for All-Fast Track Initiative (EFAFTI),è sceso del 70% rispetto all’anno precedente, ammontando a soli 3 milioni di euro”.

“La storia dimostra che dove c’è l’impegno politico si possono fare grandi cose”, ha affermato Aaro Mokoena, ambasciatore della 1GOAL e capitano della Nazionale di calcio sudafricana. “Quattordici milioni di tifosi di tutto il mondo hanno firmato a sostegno della Campagna e spetta ora ai leader mondiali il compito di far diventare realtà il sogno di una educazione per tutti”.

La 1 GOAL è la più grande campagna mondiale mai realizzata nella storia del calcio. Ad oggi più di 14 milioni di persone hanno aderito alla campagna.

Si può aderire alla campagna firmando la petizione on-line sui siti: http://www.join1goal.org/home.php

http://www.join1goal.org/

Source: VIS http://www.volint.it/vis/home

More info: Unesco http://www.unesco.org/en/efareport/resources/media-coverage/

http://www.hindu.com/2010/07/12/stories/2010071255631300.htm